Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Parrocchia Mater Dei
thumb

Il Vangelo di Matteo dice che "il Regno dei cieli è simile a dieci ancelle che presero le loro lampade per uscire incontro allo sposo" (Mt 25, 1-13).
Che cos'è la vita alla luce di questa parabola evangelica? E' un'attesa attiva. Un’attesa di qualcosa di caro, di meraviglioso che Gesù presenta come una lunga e bellissima festa di nozze.
Noi tutti siamo nella situazione vibrante e che può diventare faticosa delle “ancelle” già pronte, presso la casa della sposa, che attendono l’arrivo dello Sposo che venga a prelevare la sposa affinché la festa di nozze cominci.
La vita del cristiano è un’attesa: il Più e il Bello deve ancora venire. Viviamo come sospesi. Si sa che lo Sposo verrà (a prelevare la sposa dalla sua casa) e ogni cosa si illumina di questo pensiero: le orecchie sono alla porta e gli occhi alla finestra; tutti i discorsi parlano di «lui» e si attende che si levi, da un momento all'altro, il grido: «Ecco lo Sposo, uscitegli incontro!».

<< Torna indietro