Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Parrocchia Mater Dei
thumb

Appartiene alla comunità del Centro Don Orione di Monte Mario. E’ il secondo sacerdote orionino di Albania ed è stato ordinato, in esatta coincidenza con l’arrivo della Congregazione nel “Paese delle aquile”, il 18 ottobre 1992.

Il sabato 21 ottobre mattino, la cattedrale di Shkodër – Scutari era gremita di fedeli, giunti con pullman dai luoghi segnati dalla presenza orionina: Bardhaj, Elbasan, Mollas, Gramsci, Gostime, Shiroka, Obliqe… La celebrazione è iniziata puntuale alle 10 del mattino ed è stata presieduta dall’arcivescovo di Scutari, Angelo Massafra, e accompagnata da una sessantina di sacerdoti concelebranti. Molti i confratelli e alcuni laici giunti dall’Italia, tra i quali don Aurelio Fusi, superiore provinciale, don Pierre Assamouan, consigliere generale. C’ero anch’io che ho visto la crescita della presenza orionina in Albania in questi 25 anni e particolarmente legato a Pavlin e alla famiglia Preka.

Il rito di ordinazione sacerdotale è stato commovente e molto solenne in questa chiesa denominata "Kisha e Madhe" ovvero "Chiesa Grande", perché è la più grande dei Paesi Balcani. La mamma di Pavlin, Lule, con il fratello e le sorelle, i familiari erano tutti lì davanti, con gli occhi lucidi di gioia e di lacrime; il papà Mirash ha partecipato dal Cielo.
La festa è continuata con il pranzo presso la Parrocchia orionina di Bardhaj. Nel pomeriggio, al teatro della città, c'è stata la rappresentazione di un'opera su Giovanni Paolo II, molto bella.

Grande sorpresa e applausi a non finire, al pomeriggio, dove al Teatro principale di Scutari è stato presentato un recital dal titolo “Lolek” che ha ripresentato la storia di Karol Wojtiła, soprattutto dei suoi anni giovanili, prima del percorso come sacerdote, vescovo, Papa. È risultato uno spettacolo di grande impatto emotivo e culturale, molto ben curato, bello e, soprattutto, tutto interpretato da attori presi… dalla Parrocchia.

Domenica 23 ottobre, alle ore 10.30, don Pavlin ha celebrato la sua Prima Messa al paese, Bardhai. I confratelli si sono uniti ai famigliari e lo hanno accompagnato in corteo dalla casa paterna alla chiesa tutta parata a festa.

L’omelia è stata tenuta dall’altro nostro confratello albanese, don Dorian Mjeshtri, attualmente parroco, che ha intrecciato con la Parola di Dio della liturgia i motivi di festa e l’impegno sacerdotale di don Pavlin.

Al termine della Messa, è toccato a me esprimere a nome della Congregazione la gioia e il ringraziamento per l’evento. L’ho riassunto con tre abbracci: il primo a Lule, la mamma di Don Pavlin, e con lei alla famiglia e alla gente albanese; il secondo a Don Rolando Reda, e con lui a tutti i Confratelli presenti e attivi in Albania in questi 25 anni; il terzo a don Pavlin, che nella sua persona esprime l’incontro tra la Congregazione e l’Albania.

Don Flavio Peloso

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento