Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Parrocchia Mater Dei
thumb

L'ha chiesta Papa Francesco per il 23 febbraio. La nostra Parrocchia ha risposto.

In parrocchia, abbiamo risposto all'appello di Papa Francesco che ha indetto una speciale GIORNATA DI DIGIUNO E PREGHIERA PER LA PACE per il 23 febbraio prossimo.

Una cinquantina di persone, nonostante il "tempo da lupi" con vento, freddo e pioggia, si sono ritrovate in chiesa, secondo il programma: 17.15: Via Crucis; 18.00: Santa Messa; 18.30 – 19.30: Ora Santa di adorazione; 19.30: cena povera (un piatto di riso in bianco) nella sala parrocchiale; offerta a finalità caritativa.

Don Cristiano ha celebrato la Messa. Don Flavio ha guidato la Via Crucis e l'Ora Santa di adorazione con alcuni testi e preghiere per la pace; ha insistito sul pensiero che il primo nostro contributo di cristiani per la pace è dare al mondo il Padre, il Padre nostro che sta nei cieli, il solo che può far crescere la coscienza e il comportamento da "fratelli" condizione per il progredire della pace.

Come ultimo atto, c'è stato la "cena povera" con un piatto di riso e acqua. Ma la cordialità è stato ottimo condimento.

Qui di seguito sono riportati i testi usati durante l'Ora Santa.

 

L'INVITO DI PAPA FRANCESCO

"Dinanzi al tragico protrarsi di situazioni di conflitto in diverse parti del mondo, invito tutti i fedeli ad una speciale Giornata di preghiera e digiuno per la pace il 23 febbraio prossimo, venerdì della Prima Settimana di Quaresima. La offriremo in particolare per le popolazioni della Repubblica Democratica del Congo e del Sud Sudan.

Il nostro Padre celeste ascolta sempre i suoi figli che gridano a Lui nel dolore e nell’angoscia, «risana i cuori affranti e fascia le loro ferite» (Sal 147,3). Rivolgo un accorato appello perché anche noi ascoltiamo questo grido e, ciascuno nella propria coscienza, davanti a Dio, ci domandiamo: “Che cosa posso fare io per la pace?”. Sicuramente possiamo pregare; ma non solo: ognuno può dire concretamente “no” alla violenza per quanto dipende da lui o da lei. Perché le vittorie ottenute con la violenza sono false vittorie; mentre lavorare per la pace fa bene a tutti!".

 

Vangelo secondo Matteo (5, 1-12)

Vedendo le folle, Gesù salì sulla montagna e, messosi a sedere, gli si avvicinarono i suoi discepoli. Prendendo allora la parola, li ammaestrava dicendo:
«Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati gli afflitti, perché saranno consolati.
Beati i miti, perché erediteranno la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia.
Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti hanno perseguitato i profeti prima di voi.

 

 

Don Orione: Torniamo a Dio!

Uno scritto di Don Orione del gennaio del 1918. Si era verso la fine della prima guerra mondiale. I popoli europei si risvegliavano sbigottiti e increduli di quale barbarie erano stati capaci.

                «Le presenti calamità non avranno fine, prima che gli uomini ritornino a Dio», ha detto il Papa. Così ha scritto anche Alberigo Gentili, benché fosse un apostata, il chiaro il convincimento che, per dar pace giusta e duratura ai popoli e alle nazioni non bastano i giornali, né i diplomatici, né i Congressi dell’Aia o altri, né i soli cannoni, né gli eserciti soli bastano: ci vuole, sovra tutto, l’intervento del più alto principio: ci vuole Dio!

                La pace è un dono di Dio! E non si accorda che agli uomini di buona volontà, come cantarono gli angeli sulla capanna di Betlemme: agli uomini che tornano a Dio e camminano le sue vie: vita, vittoria e pace!

                Il Gentili, nel suo libro, si rivolge a Dio ed esclama: «Tu, Padre di giustizia, Iddio, tu rimuovi da noi questa cagione, facendoci ritornare a te, e leva dal mondo ogni motivo di guerra. Dà, o Signore, dà a noi, in questi giorni, la tua pace».

                La pace viene solo da Dio, ed è riservata agli uomini di buona volontà, che non rubano, che non mentono, non opprimono, non vivono nel vizio, non usurpano: non sono né ambiziosi, né sacrileghi.

                Alberigo Gentili conclude il suo libro con un’altra preghiera a Dio. “Tu, o sommo Dio, rimuovi da noi la barbarie, la fierezza, l’inesorabile inimicizia. Fa che il bue e il leone mangino insieme, e non che il bue impari la fierezza, ma il leone impari invece la mansuetudine. Vale a dire: fa sì che i tuoi cristiani non imparino dai barbari la maniera di combattere, ma i barbari, per contrario, vengano ammansiti dai cristiani”.

La prima condizione d’una pace giusta è la volontà di ritornare a Dio.

                Ritorniamo a Dio e alla sua Chiesa, deponendo gli odi, le vendette, le cupidigie! La pace è giustizia, mitezza e perdono.

                Ritorniamo a Dio! Correggiamo le volontà ribelli e le ingiustizie, se vogliamo pacificare il mondo.

                Ritorniamo a Dio! Smettiamo la superbia, la vanità, l’egoismo le disonestà, l’avarizia, e cerchiamo le vie di Dio: l’umiltà la preghiera, la fede, la pace col Papa, l’educazione cristiana della gioventù, la purezza, la carità, e la carità sino al sacrificio!

                Ritorniamo a Dio! e avremo una società più perfetta, una civiltà più cristiana e la vera fratellanza delle genti in Gesù Cristo.

                Ritornino a Dio i popoli e i governi, a quel Dio che volle dare tutto Sé stesso per gli uomini e per la nostra salvezza nella grotta di Betlemme prima, sulla croce del Calvario poi!

                L’ora del ritorno a Dio è l’ora della pace. Torniamo a Dio!

 

PREGHIERA PER LA PACE DI PAPA FRANCESCO

Signore Dio di pace, ascolta la nostra supplica!

Abbiamo provato tante volte e per tanti anni a risolvere i nostri conflitti con le nostre forze e anche con le nostre armi; tanti momenti di ostilità e di oscurità; tanto sangue versato; tante vite spezzate; tante speranze seppellite… Ma i nostri sforzi sono stati vani. Signore, aiutaci Tu!

Donaci Tu la pace, insegnaci Tu la pace, guidaci Tu verso la pace. Apri i nostri occhi e i nostri cuori e donaci il coraggio di dire: “mai più la guerra!”; “con la guerra tutto è distrutto!”.

Infondi in noi il coraggio di compiere gesti concreti per costruire la pace. Signore, Dio Amore che ci hai creati e ci chiami a vivere da fratelli, donaci la forza per essere ogni giorno artigiani della pace; donaci la capacità di guardare con benevolenza tutti i fratelli.

Rendici disponibili ad ascoltare il grido dei nostri cittadini che ci chiedono di trasformare le nostre armi in strumenti di pace, le nostre paure in fiducia e le nostre tensioni in perdono.

Tieni accesa in noi la fiamma della speranza per compiere con paziente perseveranza scelte di dialogo e di riconciliazione, perché vinca finalmente la pace. Dal cuore di ogni uomo siano bandite le parole: divisione, odio, guerra!

Signore, disarma la lingua e le mani, rinnova i cuori e le menti, perché la parola che ci fa incontrare sia sempre “fratello”, e lo stile della nostra vita diventi la pace. Amen.

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento