Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Parrocchia Mater Dei
thumb

Parrocchia Mater Dei. Domenica 6 maggio 2018.

La Parrocchia Mater Dei ha organizzato la 9° edizione della Festa dei Popoli, presso il piazzale della Madonnina di Monte Mario..

Alle 10.30, è iniziata la Messa sul Piazzale, presieduta dal vescovo del Congo Bernard Nasayi e concelebrata da alcuni sacerdoti, presente numerosa gente. I canti sono stati in varie lingue; i doni dell’offertorio sono stati accompagnati con una danza della comunità indiana. Quella Messa in mezzo al verde della natura ha fatto dire a Don Flavio “Gesù e la natura sono quanto di più universale che unisce tutti i popoli”.

Terminata a celebrazione, si è rimasti a conversare: il clima era mite e il cielo teneva in alto le sue nuvole senza acqua. È seguito il pranzo, seduti in mezzo al verde, con di cibi etnici e pastasciutta romana offerta dalla Parrocchia. Le comunità indiana e filippina hanno offerto i loro cibi tipici.

È seguito un magnifico spettacolo di musiche e danze e abiti tipici delle culture di quanti hanno offerto qualche saggio d’arte popolare: i balli indiani, gentili e vivaci, con abiti che hanno usato con tutta la tavolozza dei colori; la danza delle luci e della farfalla delle donne filippine; la musica avvolgente di un gruppo del Perù e, infine, la sorpresa di una rappresentazione corale di una trentina di donne, uomini e bambini dell’Ecuador dal titolo “E niño duerme” ricca di evocazioni simboliche, maschere antiche, gesti, suoni di corno, canti e danze.

Veramente una bella Festa dei popoli che ci ha aiutato a guardare con simpatia e rispetto alle ricchezze umane e artistiche di altri popoli.

Anche nel nostro territorio di Monte Mario ci sono persone provenienti da diverse nazioni e popoli.
La Festa dei popoli vuole essere una forma di condivisione fraterna, di riconoscimento delle diversità di popoli e culture, viste come un dono di cui godere, un simbolo di convivenza civile.
Nel territorio della nostra Parrocchia le presenze di persone d'altri popoli sono particolarmente legate al servizio domestico, nelle famiglie. L'incontrarsi all'aperto, in un clima di festa, alla pari davanti all’altare e alla bellezza, è anche una forma di reciproco ringraziamento.

Un grazie a quanti hanno collaborato alla buona riuscita della Festa, coordinati da Don Cristiano, soprattutto ai Volontari.

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento