Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Parrocchia Mater Dei
thumb

Nella foto: Roma, 1° giugno 2019. Il card. Angelo De Donatis presiede la celebrazione della Festa della Madonnina di Monte Mario.

1° giugno 2019: il tributo di riconoscenza alla Madonnina di Monte Mario nell'anniversario della liberazione di Roma nel 1944.

FESTA DELLA MADONNINA CON IL CARD. ANGELO DE DONATIS.

1° giugno 2019, Roma, Centro Don Orione di Monte Mario.
Il cielo finalmente sereno e soleggiato ha fatto da cornice alla festa della Madonnina che dall'alto di Monte Mario guarda e benedice Roma.
Ha presieduto la celebrazione il Card. Vicario Angelo De Donatis, giunto per tempo per fare visita agli anziani ed ospiti della Residenza Sanitaria e Riabilitativa del Centro di Via della Camilluccia.
E' seguita la breve processione lungo il viale che conduce al poggio di Monte Mario, ove è collocata la statua della Madonna, "Salus populi romani": dorata, alta 9 metri e su un piedistallo di 18, guarda ed è vista da tutta Roma.
La Banda Musicale della città di Fiano Romano ha accompagnato con le sue musiche la processione e i vari momenti della celebrazione.
Sul piazzale, un magnifico tempio all'aperto cinto di verde, era allestito l'altare. La Santa Messa dell'Ascensione di Gesù è stata celebrata in questo scenario, guardando al cielo azzurro e alto, con la Madonnina che indica con la mano il Cielo.
Il card. De Donatis ha richiamato l'attenzione di tutti sull'ultimo gesto di Gesù: “Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo". E' l'ultima fotografia: Gesù benedicente con le sue mani ancora segnate dalla sua passione gloriosa in croce.
Al termine della Messa, è stata recitata la Preghiera di affidamento alla Madonnina.
Il parroco e il presidente del Municipio XV, Stefano Simonelli, si sono recati ai piedi della grande statua per offrire una corona di fiori. La Banda eseguiva l'Inno d'Italia e l'Inno pontificio a significare il valore religioso e civile di quel tributo di riconoscenza a ricordo della "grazia" della liberazione di Roma, avvenuta il 4 giugno 1944.
La mite serata ha invogliato molti a prolungare la sosta alla Madonnina per condividere anche qualche cosa da mangiare insieme nel prato.


Grazie ai molti che hanno collaborato per la buona riuscita della festa nei suoi vari aspetti!

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento